Montone

DSC_0001 (Large)Tra Città di Castello ed Umbertide, nell’alta valle del Tevere, c’è un piccolo paese che a ragion veduta si fregia del titolo di uno dei “Borghi più belli d’Italia”. L’ho visitato sabato scorso con alcuni amici ed è stata una splendida scoperta. Complice anche la banda musicale che ci ha accolto – schierata in realtà per la festa del 25 aprile – Montone ci ha subito mostrato il suo volto più caldo e suggestivo. Chiuso tra le mura medievali e affacciato su due valli verdissime, il piccolo borgo è una vera oasi di pace, incastrata in una cornice storica e naturale come ce ne sono poche.

DSC_0011 (Large)

DSC_0015 (Large)

DSC_0021 (Large)

DSC_0024 (Large)

DSC_0056 (Large)

DSC_0071 (Large)

DSC_0076 (Large)

DSC_0083 (Large)

DSC_0087 (Large)

Dio plasma la donna mentre l’uomo sogna

papa_francesco_leggeSplendida catechesi, questa mattina, di papa Francesco in piazza San Pietro. Tra le altre, mi hanno particolarmente colpito queste sue parole:

“Il fatto che Dio plasmi la donna mentre l’uomo dorme, sottolinea proprio che lei non è in alcun modo una creatura dell’uomo, ma di Dio. Suggerisce anche un’altra cosa: per trovare la donna, l’uomo prima deve sognarla e poi la trova”.

La verità sul caso Harry Quebert

4527328_0Un libro senza mezze misure, che appassiona o infastidisce, tiene incollati senza guardare l’orologio o sfinisce il lettore per la lunghezza e i continui salti temporali. “La verità sul caso Harry Quebert”, bestseller del giovane Joel Dicker (Bompiani 2013), snocciola in 750 pagine una storia di amore e di illusioni, un manuale di scrittura creativa, un esercizio di raffinata deduzione. Come nei migliori gialli la verità si scopre solo all’ultima pagina, ma arrivarci non è facile, nonostante la capacità dell’autore di tenere viva la curiosità e inserire colpi di scena pressoché ad ogni capitolo. Sa toccare i tasti giusti, Dicker. Confesso di averlo divorato anch’io in pochi giorni.

Gli elementi di fondo della trama sembrano quasi banali: il ritrovamento del corpo di una ragazza scomparsa trent’anni prima, una serie di indizi e di incriminazioni, uno scrittore di successo anzi due, un’impossibile relazione amorosa. Il tutto nella cornice di un tranquillo paesino del nord est americano, affacciato sull’Atlantico, a due passi dal Canada e dal Maine di Jessica Fletcher, per intenderci. Ciononostante, tutto quello che sembra chiaro e sicuro piano piano si sgretola e delle certezze iniziali resta molto poco.

Ciò che non cambia nell’intero racconto, invece, è lo sguardo di Dicker sull’amore, “l’impresa più grande e difficile” cui un uomo possa dedicarsi. Sfuggente eppure impossibile da soffocare. Illogico e tragico. Fragilissimo ma capace di resistere per decenni e nutrirsi solo di ricordi. “Adora l’amore, Marcus – dice il maestro al discepolo in crisi – Fanne la tua conquista più bella, la tua sola ambizione. Dopo gli uomini, ci saranno altri uomini. Dopo i libri, ci sono altri libri. Dopo la gloria ci sono altre glorie. Dopo il denaro, c’è ancora denaro. Ma dopo l’amore Marcus… Dopo l’amore, c’è solo il sale delle lacrime”.

Su questa pietra

carandini

La vicinanza della Pasqua mi ha fatto riprendere in mano il saggio del celebre archeologo Andrea Carandini sul rapporto tra Pietro e Roma: “Su questa pietra” (Laterza 2013). Ricchissimo di note, illustrazioni e appendici, che occupano una buona metà del volume, il testo si apre con un’ampia rilettura delle fonti bibliche sul pescatore di Cafarnao per giungere a collocarlo a Roma tra il 60 e il 64 d.C., dove fu martirizzato nel corso della persecuzione di Nerone. Una presa di posizione autorevole e importante all’interno della dibattuta “questione petrina”, così come degno di nota è l’atteggiamento e il metodo seguiti dallo studioso, che si definisce “agnostico” e dedica il suo lavoro “a Francesco, vescovo di Roma”.

Il rapporto tra l’apostolo Pietro e la città di cui ha radicalmente mutato la storia occupa le pagine più affascinanti del libro. Belli anche i riferimenti alla Chiesa delle origini e dei primi secoli. Esulano forse dalla competenza di Carandini il breve capitolo iniziale sulle idee teologiche di Gesù e le considerazioni conclusive sul papato e sul futuro della Chiesa, ma le ho comunque trovate interessanti e utili.