La chiave di Sarah

CHIAVE-DI-SARA1Dopo un paio di settimane in compagnia di Poirot, nel Giorno della memoria inizio a leggere “La chiave di Sarah”, romanzo di Tatiana de Rosnay sulla storia di una bambina ebrea francese rastrellata nel 1942.

Non ho visto il film che è stato girato nel 2010, ma ho letto recensioni positive del libro, certamente di forte impatto emotivo. Qualcuno già lo conosce?

Annunci

Avrò cura di te

avro-cura-te-gramelliniGioconda è una 36enne alle prese con una crisi matrimoniale e una gran confusione interiore. Filemone un angelo custode, che lascia biglietti nei cassetti e nei taschini delle camicie. Il loro inverosimile dialogo epistolare è il romanzo “Avrò cura di te”, uscito rispettivamente dalle penne di Chiara Gamberale e Massimo Gramellini.

Il risultato, curioso e molto psicologico, è che l’amore perfetto non esiste. O meglio, è la somma di tante imperfezioni. I due giornalisti-scrittori guidano lungo la via tortuosa dell’edificazione di un amore adulto, esposto non tanto alle seduzioni carnali ma a quelle del narcisismo, del bisogno di avere continue conferme su stessi, della smania di essere competitivi.

Un’impresa ostinata ma possibile, per la quale “bisogna sopportare senza compiangersi, accettare senza dimenticare e sacrificarsi senza covare risentimento”. Perché “se l’amore è una discesa dell’eternità nel tempo e nello spazio, non può limitarsi al miracolo dell’incontro e alla poesia dell’istante. Deve per forza estendersi alla costruzione di qualcosa di durevole. Trovarsi rimane una magia, ma non perdersi è la vera favola”.

All’inizio del nuovo anno

Tu che hai formato bene ogni cosa e hai creato l’uomo a tua immagine, santifica il nostro tempo, Signore, per l’adempimento dei tuoi comandamenti, o Re, affinché possiamo cantare incessantemente le tue infinite misericordie, per il rinnovamento del mondo intero.

(dal rituale orientale per la creazione, adattato dai monaci di Siloe)