Amare (la scuola) per crescere

Riassumerei così il messaggio che papa Francesco ha consegnato ai 300mila partecipanti all’incontro con il mondo della scuola, sabato scorso in piazza San Pietro. Una giornata tanto desiderata, anzi una festa, come ha sottolineato lo stesso pontefice, che si è immerso per quasi un’ora fra le transenne, come a voler offrire a tutti uno sguardo di amore e di fiducia. Quello, appunto, che fa crescere.

DSC_0009a (Medium)

DSC_0003a (Medium)

DSC_0142 (Medium)

DSC_0260 (Medium)

DSC_0288a (Medium)

DSC_0263 (Medium)

DSC_0118a (Medium)

DSC_0150a

DSC_0188a (Medium)

DSC_0219 (Medium)

DSC_0237 (Medium)

DSC_0241 (Medium)

DSC_0294a (Medium)

DSC_0322a (Medium)

DSC_0267a (Medium)

DSC_0383a (Medium)

Ancora insieme

logo assemblea

Tanti volti conosciuti, che è stato bello rivedere, oggi all’Assemblea nazionale dell’Azione Cattolica Italiana, ma anche tante facce nuove e la sensazione di un cambiamento in atto. Dietro al clima di festa, infatti, si percepiva il senso di sfide aperte e di responsabilità da assumere. E poiché, come ha scritto il Papa e ripetuto questa mattina Franco Miano, “la realtà è più importante dell’idea”, le risposte possono venire solo dal coraggio di abbandonare il regno della sola parola o immagine e da “uomini capaci di sbattere all’aria il mantello delle loro sicurezze” (mons. Galantino).