Cecità

È la seconda volta che mi succede, nel giro di poche settimane. Nella stazione di Firenze, sale sul treno e si siede accanto a me una persona cieca. Entra accompagnata da un addetto, che le indica il posto e scende. A Bologna la scena si inverte: lei si avvicina alla porta e un incaricato dell’assistenza l’aiuta a scendere.

Ieri la cosa mi ha colpito in modo particolare perché da qualche giorno sto leggendo “Cecità”, noto romanzo del portoghese José Saramago. Lo scrittore immagina che la popolazione di una non precisata città diventi improvvisamente e inspiegabilmente cieca. Davanti all’evento misterioso, esplode la paura e con essa la violenza e la sopraffazione. Il racconto, parecchio inquietante, è un distillato di pessimismo: la cecità cancella in fretta la solidarietà fra gli uomini. Ma è vero anche il viceversa: la mancanza di comprensione e carità per l’altro rende tragicamente ciechi. Per ora non si vedono barlumi di speranza, ma sono appena a metà. Vedremo…

Annunci

Un pensiero su “Cecità

  1. Ciao Ernesto. Ti do del tu anche se dieci anni fa, in classe, ti davo del Lei. Sono un tuo ex-studente. Grazie per il bel consiglio di lettura. Ho idea che me lo procurerò, sembra molto interessante.
    Ho aperto un blog di fresco. Passa a fare una visita, se ti va.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...