copertine.murgiaLa strage degli innocenti

Me la ricordavo ironica e agguerrita. È stato un piacere ritrovarla, per niente cambiata, sulle pagine del suo primo libro. Michela ha la scorza dura come la sua terra di Sardegna. E la stessa luminosità.

Il suo “romanzo tragicomico”, autobiografia di trenta giorni di co.co.pro., è uno spietato e illuminante racconto di cosa accade spesso nei call center. “Il mondo deve sapere” (Isbn edizioni) rivela la faccia sporca dei contratti precari: giovani spolpati fino in fondo all’anima.

Se non fosse per la scrittura frizzante e l’umorismo coraggioso con cui ci sbatte in faccia il “kamasutra del marketing”, ci sarebbe da starci male. E sarebbe anche giusto. Ha ragione Michela: il mondo deve sapere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...