Tenerezza

TenerezzaÈ un vero cambio di prospettiva quello di cui parla la giovane filosofa e teologa Isabella Guanzini nel suo “Tenerezza. La rivoluzione del potere gentile” (ed. Ponte alle Grazie, 2017). Un invito a incontrare, riconoscere, avvicinarsi, in un’epoca in cui non è difficile assistere al dramma di vite – potrebbero essere anche le nostre – senza identità, senza futuro, senza comunità.

Il suo linguaggio è filosofico e poetico: pensato col cuore, coi sensi. Invoca uno stile di vita che rinuncia alla paura e al controllo per diventare più sensibile alla vulnerabilità gli uni degli altri, al contatto dei corpi. Un modo particolare di essere presenti alla realtà: “una cortesia che è come un modo di pregare”. Qualcosa di raro nella società della diffidenza, eppure non c’è altra via di umanizzazione possibile per il tempo presente e futuro, dice l’autrice citando papa Francesco. Sono numerosi gli echi della sua programmatica gioia del Vangelo.

Di fronte al rischio di vite che si autoconsumano senza sapere bene il perché, il libro cerca luoghi in cui sia possibile fare una nuova esperienza: quella di “una stanchezza buona e di un tempo diverso, salvato dall’imperativo della prestazione e dell’autorealizzazione, e per questo aperto a una condivisione più umana”. Per trovarli basta guardare a “ciò che sembra valere poco, in quanto destinato a svanire: un giorno di festa, un gioco, un incontro gentile, l’essere chiamati per nome. È nei passaggi della tenerezza che il mondo si fa effettivamente vivibile… e che si aprono mondi di significati destinati a durare e a tenerci in vita ancora per un po’”.

Fra me e te

imageMarco Erba è un giovane professore di lettere nell’hinterland milanese e “Fra me e te”, il suo primo romanzo, è nato fra i banchi di scuola. Sempre qui ha iniziato il suo percorso, con i ragazzi che si passavano la voce quando ancora era solo un ebook autopubblicato on line, prima di arrivare sul tavolo di un editore come Rizzoli che, un anno fa, lo ha pubblicato moltiplicandone il successo.

Basterebbero questi elementi per farmelo piacere, ma c’è molto altro. I desideri e le trepidazioni di tanti quindicenni come Edo e Chiara, i due protagonisti. L’amicizia e l’amore a quell’età. Il rapporto difficile con gli adulti, e con se stessi. Ci sono le ombre del bullismo e le insicurezze di coloro per cui un “mi piace” su facebook è “un certificato di esistenza, uno scoglio a cui aggrapparsi”. C’è un ottimo insegnante di religione e una delle descrizioni più belle mai lette di una prof: “non spiega una materia, usa una materia per spiegarti la vita”.

È classificato come romanzo per adolescenti, a cui lo consiglio senz’ombra di dubbio, ma non fa male anche leggerlo da adulti. Io ci ho messo meno di ventiquattr’ore.